il senso del viaggio...

August 28, 2013  •  2 Comments

Ci sono viaggi che ho scelto ed altri che credo mi abbiano scelto. Inconsapevolmente in molte delle mie esperienze di viaggiatore mi sono trovato a non fare nessuna verifica prima della partenza…  vado e scopro tutto sul posto, un programma di massima e via…. si parte. Basta veramente poco per iniziare a muovere la testa e farla coincidere con la sete della conoscenza, dicono che viaggiando e conoscendo gli altri scopriamo noi stessi, forse......  al mio ritorno ero più ricco, quella ricchezza e quel sapore della vita che non è facile descrivere. Sogni, fantasie, richiami lontani di strade mai percorse, mari mai navigati e deserti sconosciuti, una voglia di fuggire, di scegliere e dare un senso alla vita, una sorta di libertà dalla costrizione che il mondo sia fissità e immutabile continuità. Come se l'uomo fosse una cosa sola e non avesse molteplici aperture alla vita. Si può viaggiare a pochi chilometri dalla propria casa e scoprire cose meravigliose, avere destinazioni che hanno il senso della conoscenza e del desiderio di essere felici. Desiderio che non vuole avere significato di avidità, spesso si cerca il desiderio illusorio che non potrà mai venire definitivamente appagato, come volere quella cosa e una volta avuta tornare insoddisfatti nella quotidiana realtà. Non ho mai pensato ad una boccata di ossigeno, cosa fa pulsare tutto è il cuore, e quando ci si muove in quel senso il risultato è rotondo. Io mi innamoro di quel percorso, non importa dove vado, mi spoglio dei miei panni di ogni giorno e mi incammino, le strade hanno polvere, fango, asfalto, hanno il potere del movimento e mi piace pensare di non avere scopi speciali, mi piace volare se possibile alto e lontano nell'immensità del mondo. Un giorno farò un telegramma che è il Senso del mio viaggio e scriverò soltanto "sono partito …"
... se mi vuoi raggiungere sai come fare …

buon viaggio Roberto

 

 

Bibbona - Alfredo e i suoi tesori

Bibbona - Alfredo

 

Olanda - La piccola Esther

Olanda - Esther

 

ho scelto due immagini per questi miei pensieri, la prima mi rappresenta molto: Esther... una bambina meravigliosa che stava giocando....sono convinto che ha viaggiato molto e fatto grandi scoperte, aveva occhi curiosi come li avevo io mentre la fotografavo.
la seconda non è mai uscita dai miei archivi, è stata partorita per questo sito, come se le volessi nascondere le ingiurie degli anni  e rispettarne i silenzi. Alfredo ha di sicuro viaggiato nella sua vita e quando ci andai mi raccontò tante storie e avventure, ero giovane e mi affascinò quel suo modo di narrare il viaggio della sua vita


Comments

Graziano Tonellotto(non-registered)
Beh Roberto, quello che scrivi è cosi emozionante che spero un giorno di ricevere un telegramma che dica "sono partito" e quindi venire a prenderti e da li andare e scoprire....
Roxana Labagnarara(non-registered)
Your words touched my soul. Maybe because I feel the same way, maybe because your way of sharing your feelings is always deep and powerful at the same time. Hope you don't mind if I share them on my page, Thank you Roberto!
No comments posted.
Loading...

Archive
January February March April May June July August September October November December (3)
January February March April May June July August September (1) October (1) November December (1)
January February March (2) April (1) May (1) June (1) July August (2) September October November December (1)
January February March April May June July August (6) September (3) October (2) November December (1)
January February March April May (1) June July August (2) September (1) October November December
January (1) February March April May June July August September October November December
January February March April May June July August September October November December
January February March April May June July August September October November December